Puoi utilizzare gli operatori booleani per migliorare la tua ricerca

Stagione 1956/57

Direzione: Nico Pepe

Il 27 maggio 1957 il Consiglio di Amministrazione nomina nuovo direttore Gianfranco De Bosio, che assume l’incarico con decorrenza immediata

Pamela nubile
di Carlo Goldoni

L’onorevole Ercole Malladri
di Giuseppe Giacosa

Liolà
di Luigi Pirandello

La maschera e il volto
di Luigi Chiarelli

Questi titoli, che costituiscono l’intero cartellone della stagione, erano stati annunciati (comunicato stampa del 25 settembre 1956) come componenti un «primo ciclo di spettacoli dedicato agli autori italiani». Era infatti in programma un secondo ciclo di spettacoli di cui avrebbero fatto parte: L’anima buona di Seciuan di Bertolt Brecht, I ricci di mare di Aldo Nicolaj, Il più felice dei tre di Eugène Labiche e La bisbetica domata di William Shakespeare. Per i ragazzi era previsto l’allestimento di Don Sancho d’Aragona di Pierre Corneille. Il programma completo non poté essere realizzato per la buona accoglienza del primo ciclo, le cui recite si protrassero fino a stagione avanzata.


Recite complessive: 139 (75 in sede, 27 in regione, 37 fuori regione).
Presenze complessive: 40.000 (media spettatori a recita: 282).
Incassi complessivi: L. 35.635.941.

Rappresentazioni